Archivio Autore

Il futuro delle librerie: Arion, Feltrinelli, la “rigidità dei librai” e la consistenza degli eBook. Il dibattito prosegue

Scritto da Redazione on . Postato in Librai, Librerie, News

Prosegue il nostro dibattito sul futuro delle librerie aperto qualche giorno fa dall’opinione di Massimiliano Enrico, consulente editoriale,  e la secca risposta inviata da Patrizio Zurru, libraio da 25 anni, agente letterario ed editore a Cagliari. Oggi pubblichiamo altri due interventi giunti nei giorni scorsi alla redazione, e in più alcune considerazioni tratte dall’ultimo numero di “Domenica” del Sole 24 ore. 

Un mondo di stranezze letterarie su AbeBooks.it

Nicola Zingaretti incontra l’editoria romana. “Urbanistica e cultura vanno insieme; l’editoria ha bisogno di spazi nella città” (I)

Scritto da Redazione on . Postato in Altro, Autori, Editori, Eventi, In evidenza, Librai, Librerie, Politica

Questa mattina presso il cinema Nuovo Sacher di Roma circa 150 operatori del mondo del libro romano hanno partecipato all’incontro con Nicola Zingaretti, attuale presidente della provincia e candidato alle prossime elezioni regionali nel Lazio.

Il futuro delle librerie. Enrico: “Spazi di lettura in digitale e cooperazione tra librai, superando le rigidità mentali”

Scritto da Redazione on . Postato in Librai, Librerie, Tecnologie

Il dibattito su presente e futuro delle librerie è più che mai attuale tra gli operatori del settore e non solo. Bibliocartina ospita oggi un intervento di Massimiliano Enrico, ” coach per autori e scrittori, consulente informatico specializzato in BPM (anche per case editrici) e game designer per case editrici specializzate e per il marketing aziendale; da sempre interessato al mondo dell’editoria in tutte le sue forme ed alle nuove tecnologie”.

Lìberos vince il Premio Che Fare. Francesca Casùla: “Il nostro progetto ha vinto perché può funzionare ovunque”

Scritto da Redazione on . Postato in Altro, Autori, Biblioteche, Editori, In evidenza, Lavoro, Librerie, Libri, Premi

Lìberos, la comunità dei lettori sardi, ha vinto oggi il premio Che fare promosso dalla rivista culturale Doppio Zero in collaborazione con Il Sole 24 Ore e altri sponsor. Bibliocartina ha intervistato Francesca Casùla, una delle socie e prime ideatrici del progetto, che ci ha spiegato le ragioni di questa vittoria:

Giuseppe Liverani (Charta): “In Italia l’editoria è legata a un sistema marcio e basato sul conflitto d’interessi”

Scritto da Redazione on . Postato in Editori, In evidenza

Nel corso della tavola rotonda sul lavoro editoriale organizzata martedì 22 gennaio scorso a Milano dagli assessori Stefano Boeri (Cultura) e Cristina Tajani (Lavoro), è stato particolarmente applaudito l’intervento di Giuseppe Liverani, titolare della casa editrice d’arte Charta, nel corso del quale l’editore ha posto l’accento sulla “concorrenza sleale rappresentata da quegli editori che utilizzano lavoratori precari per tagliare i costi permettendosi in questo modo di partecipare ai bandi di gara con offerte bassissime”, lasciando così fuori la concorrenza. Bibliocartina ha intervistato Liverani per approfondire l’argomento.

Milano, incontro fra gli assessori e i precari dell’editoria: “Accesso a spazi e bandi comunali solo agli editori che non sfruttano”

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, In evidenza, Lavoro, Penna e spada, Politica, Traduttori e traduzioni

Ieri a Milano si è svolto un incontro fra gli assessori alla Cultura Stefano Boeri, alle politiche del lavoro Cristina Tajani e vari rappresentanti del mondo del lavoro editoriale, fra cui la Rete dei Redattori Precari che proprio qualche mese fa, a seguito delle entusiastiche dichiarazioni di Boeri sull’esito della manifestazione milanese Bookcity, aveva fatto presente a Boeri il problema delle condizioni di lavoro nelle imprese editoriali.

FNAC, chiudono i punti vendita nei centri commerciali. Cassa integrazione per circa trecento di dipendenti

Scritto da Redazione on . Postato in Librerie

FNAC Italia chiuderà temporaneamente i punti vendita attualmente dislocati in 3 centri commerciali a Roma, Torino e Firenze. Per i dipendenti dei rispettivi centri, più una parte dell’organico di Milano (dove si trovano anche gli Uffici centrali di FNAC Italia) inizia un periodo, non ancora definito, di cassa integrazione.