Libreria Edison di Firenze, Matteo Renzi ai lavoratori: “Salvaguardia dei posti di lavoro”

Scritto da Redazione on . Postato in Lavoro, Librerie, News

Il 10 novembre scorso i lavoratori della libreria Edison di Firenze hanno incontrato il loro sindaco Matteo Renzi (nella foto) in merito al futuro, tuttora incerto, della grande libreria del centro la cui chiusura è ormai imminente. Come hanno riferito i lavoratori a vari organi di stampa, il sindaco Renzi si è impegnato con i dipendenti alla salvaguardia dei loro posti di lavoro. I dipendenti Edison a rischio disoccupazione sono attualmente 38. Come abbiamo più volte scritto, il regolamento comunale attuale prevede che i locali precedentemente destinati ad attività culturali e vendita di libri debbano continuare ad esserlo, anche nell’eventualità di un cambio di proprietà, per almeno il 70% della metratura. L’interesse iniziale di Apple ai locali della libreria Edison aveva fatto temere che il sindaco potesse cambiare il regolamento. Una possibilità contro la quale si erano pesantemente mobilitati gli stessi lavoratori Edison, consapevoli che l’avvento di un Apple Store avrebbe significato disoccupazione. In poche settimane circa 30mila persone in città hanno firmato una petizione a favore del mantenimento del vincolo d’uso. E sabato scorso Renzi, in questi giorni impegnato anche nelle primarie per l’individuazione del futuro candidato premier per il Partito Democratico, ha confermato che il regolamento comunale rimarrà quello, e non ci saranno modifiche. Una delle ipotesi, che attualmente è solo tale, è che al posto della Edison sorga un punto RED Feltrinelli (Feltrinelli è anche proprietaria del locale che Edison ha affittato in tutti questi anni). Ma tuttora non ci sono certezze, nonostante manchi circa un mese alla chiusura definitiva della libreria. 

Un mondo di stranezze letterarie su AbeBooks.it

Tags: , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (2)

Lascia un commento