(IN)Edito: parte oggi il Festival dentro l’Editoria di Macao, per cercare quella visione d’assieme che manca

Scritto da Redazione on . Postato in Editori, Eventi, Fiere e rassegne, In evidenza

Comincia oggi a Milano (IN)Edito, il “Festival dentro l’editoria” che durerà fino a domenica 16 giugno organizzato da MACAO, il Nuovo Centro per le arti, la cultura e la ricerca nato circa un anno fa con l’occupazione degli spazi meneghini della Torre Galfa e che oggi prosegue nell’Ex Borsa del Macello di Viale Molise.“Di festival sul libro ce ne sono tanti”, ha commentato a Bibliocartina Diletta Colombo, libraia di Spazio B**k e fra le organizzatrici dell’evento; (IN)Edito è “un piccolo esperimento per entrare ‘dentro’ i temi chiave dell’editoria mettendone in luce aspetti, problemi e prospettive di lungo periodo sul digitale, il mercato e il lavoro. È un festival sulla consapevolezza di quello che c’è dietro un libro e sulla possibilità di fare rete significativa (virtuale e relazionale) tra i soggetti che compongono la filiera del libro, come racconta visivamente la grafica del festival che è una tessitura complessa e colorata. Oltre a questo sguardo profondo e trasversale, (IN)EDITO è anche vendita di libri di editori indipendenti che hanno raccolto la sfida, è musica e racconti di libri e a partire dai libri.” Saranno infatti circa una trentina gli editori indipendenti che esporranno negli spazi del centro, e numerosi i concerti, le presentazioni e i reading: un programma fittissimo (scaricabile qui) composto anche di tre tavole rotonde che cercheranno di fare il punto, in una visione d’assieme, su tre questioni oggi fondamentali e ineludibili per chiunque lavori nel settore: il rapporto tra carta e digitale, quello tra idee e mercato, e infine la scottante, o forse non quanto dovrebbe, questione del lavoro.

La prima delle tre tavole rotonde è prevista per oggi alle 18.30 e s’intitola: “Carta + digitale: criticità e prospettive per l’editoria”. Vedrà avvicendarsi in qualità di relatori Marco Liberatore, copywriter e redattore, responsabile della comunicazione per la rivista culturale online “Doppio zero”; Bertram Niessen, sociologo e ricercatore, anch’egli collaboratore di Doppio Zero, e project manager del progetto ‘Che fare’, la cui prima edizione ha visto vincitore il progetto sardo “Lìberos”; Alessandro Delfanti, esperto di nuovi media; Marco Giacomello, avvocato, esperto di diritto d’autore applicato all’editoria digitale, curatore di Librinnovando; e infine il blogger Effe, insegnante di nuovi media e curatore di diverse pubblicazioni sull’editoria digitale. I relatori (non sarà sfuggito ai lettori che l’editoria digitale parla al maschile, ndr) saranno coordinati da Jacopo Cirillo, co-fondatore del progetto di ‘lettura creativa’ “Finzioni”.

La seconda tavola rotonda, sabato 15 giugno alle 15.00 sarà dedicata a “Idee + Mercato: scelte editoriali e immaginari culturali alla prova del mercato”, un tema nevralgico, fondamentale a nostro modo di vedere. Anche qui tavola tutta al maschile, con Pino Tripodi, autore e presidente della Banca della Solidarietà; Andrea Staid, editor di elèuthera ed esponente di ODEI (Osservatorio degli Editori Indipendenti); Federico di Vita, autore del libro “Pazzi scatenati – Usi e abusi dell’editoria” (TIC Edizioni, 2012), Paolo Canton, fondatore della casa editrice di libri illustrati Topipittori; e ancora Guido Duiella, Presidente dell’Associazione Librerie Indipendenti Milano, Massimo Roccaforte, presidente di NdA (Nuova distribuzione Associati), distributrice per piccoli editori indipendenti; e Marco Cassini, fondatore della casa editrice minimum fax; a moderare Andrea Coccia, giornalista, co-fondatore della rivista letteraria “El Aleph”.

A maggioranza femminile invece, l’ultima delle tre tavole rotonde, sarà sabato 15 giugno alle 18:30 e dedicata al lavoro e intitolata “Desiderio + Lavoro: se per lavorare bisogna rinunciare a qualcosa”. Si confronteranno Alessia Ballinari per la Rete Redattori Precari, insieme con i ricercatori dell’IRES Emilia Romagna Carlo Fontani e Daniele Dieci, e le giornaliste Eleonora Voltolina di Repubblica degli Stagisti e Articolo36.it, e Federica D’Alessio di Bibliocartina; sì esatto, il portale di informazioni sull’editoria che state sfogliando proprio adesso. A moderare il sindacalista Daniele Wiesz.

Tre temi, dicevamo, di grande importanza, che gli organizzatori hanno concepito come occasioni di dialogo e confronto che siano il meno unilaterali possibile. Dal canto nostro vi aspettiamo sabato pomeriggio, per parlare di lavoro ma non solo!

Un mondo di stranezze letterarie su AbeBooks.it

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

Lascia un commento