Il manifesto ODEI

Joint Venture PDE/Messaggerie, Palombi (ODEI): “Soddisfatti per l’esito dell’istruttoria, abbiamo scongiurato un grosso pericolo”

Scritto da Redazione on . Postato in Altro, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, In evidenza, Politica

"Siamo soddisfatti per l'esito dell'istruttoria dell'AGCM in merito alla joint venture PDE/Messaggerie", ha dichiarato Andrea Palombi, editore di Nutrimenti e membro del direttivo di ODEI - Osservatorio degli Editori Indipendenti - interpellato da Bibliocartina a Roma durante Più libri più liberi. 

Più-libri-più-liberi-2014

Più libri più liberi, i piccoli editori calano ma c’è una punta di diamante virtuosa. Exploit della letteratura per ragazzi

Scritto da Redazione on . Postato in Altro, Editori, Eventi, Fiere e rassegne

Segno meno per i piccoli editori nei primi dieci mesi del 2014, con performance sostanzialmente in linea con il resto del mercato. Questo quanto emerge dall’indagine condotta da Nielsen e presentata a Più libri più liberi - la Fiera nazionale della piccola e media editoria che apre oggi a Roma – che per la prima volta allarga la tradizionale indagine condotta sulle piccole case editrici presenti alla manifestazione romana a tutti i 5.663 marchi di editori che hanno un venduto nei canali trade libri per un valore non superiore a 10milioni di euro.
fieradellibropiulibripiuliberi

Più libri più liberi, ok all’accredito professionale per gli autori, gli illustratori e i traduttori

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, Traduttori e traduzioni

Gli autori, i traduttori e le altre categorie precedentemente escluse potranno godere di accredito professionale alla fiera della piccola e media editoria di Roma “Più libri più liberi”, hanno confermato a Bibliocartina fonti interne all’0rganizzazione.

Lavoratori Carocci

Carocci Editore, i lavoratori: “Qui non c’è mai stato un piano commerciale”. I dipendenti in cassa integrazione già da un anno

Scritto da Redazione on . Postato in Editori, In evidenza, Lavoro, Penna e spada

"Da quando Il Mulino ha acquisito Carocci Editore nel 2009, questa azienda non ha mai avuto un vero piano commerciale. Qui a Roma non è mai esistita una figura di direttore commerciale, non c'è mai stato nessuno che si preoccupasse di gestire i rapporti con le librerie. Si è campato d'inerzia sperando che il prestigio acquisito negli anni continuasse a fruttare, forse, in ogni caso senza nessuna strategia adeguata da parte del gruppo. Per alcuni versi lo dimostra il fatto che l'azienda di promozione di proprietà del gruppo, Promedi, non si è mai più di tanto preoccupata in questi anni dei titoli realizzati qui a Roma, preferendo concentrarsi su quelli del Mulino. E oggi, 17 persone su 32 in azienda rischiano di rimanere disoccupate a breve."
Più libri più liberi Roma

Meno pubblico e più vendite, dopo Più libri più liberi gli editori medio-piccoli pensano al futuro. E a Milano arriva BookPride

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, In evidenza, Libri, News

La XIII edizione di Più libri più liberi si è chiusa con un afflusso di pubblico pari a 56mila visitatori, una cifra superiore all'edizione precedente (53mila) ma forse non così tanto quanto ci si sarebbe potuto attendere, visto che la Fiera quest'anno è durata un giorno in più.
antitrust

Joint Venture PDE/Messaggerie, via libera ufficiale dell’Antitrust. “Misure di garanzia per gli editori medio-piccoli”

Scritto da Redazione on . Postato in Editori, Politica

Ufficiale il via libera dell'Antitrust alla Joint-Venture dei gruppi Messaggerie e Feltrinelli nel mercato della distribuzione dei libri, con "misure di garanzia per gli editori medio-piccoli" che però non risolve per niente la sostanza della concentrazione, di cui parlava nei giorni scorsi Antonio Monaco (AIE) a Bibliocartina.
Antonio Monaco

Piccola e media editoria, intervista ad Antonio Monaco (AIE): “In corso un terremoto. Entro il 2015 perderemo il 50% degli addetti” (I)

Scritto da Redazione on . Postato in Altro, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, In evidenza, Politica

La piccola e media editoria italiana si sta decimando. Il comparto perde non soltanto il 10,9% del valore nell’intervallo 2012-2013, ma il 21,5% degli addetti contrattualizzati (1.500 persone circa) e “le previsioni sono che entro il 2015 la forza lavoro del comparto si ridurrà del 50% almeno”, come ha dichiarato a Bibliocartina Antonio Monaco (Edizioni Sonda), presidente del gruppo Piccoli editori dell’AIE, nel corso di una lunga e articolata intervista telefonica che pubblichiamo in più parti.