Sede amazon Seattle

Amazon, scrittori e librai USA al Dipartimento di giustizia: “Abuso di posizione dominante, minaccia la libertà di espressione”

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, In evidenza, Librerie, Libri, Tecnologie

L’associazione dei librai statunitensi (American Booksellers Association) e una delle associazioni di scrittori americani (Authors United) hanno scritto ieri al Dipartimento di giustizia americano chiedendo di investigare nei confronti di Amazon e aprire un fascicolo per abuso di posizione dominante. “Amazon ha ottenuto una posizione di monopolio nella vendita di libri, e di monopsonio nell’acquisto di libri”, scrive Authors United. L’azienda di Seattle sarebbe cioè venditore unico o quasi nel primo caso, compratore unico o quasi nel secondo.

Un mondo di stranezze letterarie su AbeBooks.it
slc-cgil

CGIL, nasce la sezione Scrittori dalla confluenza dello storico Sindacato Nazionale Scrittori

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, In evidenza, Lavoro, News, Traduttori e traduzioni

Lo storico Sindacato Nazionale Scrittori (fondato nel 1945 da Corrado Alvaro, fra gli altri, fin dal principio di concerto con la CGIL) si scioglie e confluisce nella CGIL - Sezione lavoratori della comunicazione (SLC-CGIL), come comunica il sindacato stesso. Dopo i traduttori, che già da qualche tempo con STRADE hanno firmato un protocollo d'intesa con SLC-CGIL sciogliendo la sezione Traduttori del SNS, ora anche gli scrittori decidono di riorganizzare il proprio assetto sindacale confluendo in un'entità più ampia. 

ilbuiooltrelasiepe

Il buio oltre la siepe, a luglio arriva il sequel scritto da Harper Lee negli anni ’50

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, In evidenza, Libri, Traduttori e traduzioni

Uscirà a luglio negli Stati Uniti il sequel de "Il buio oltre la siepe" intitolato "Go Set a Watchman". La stessa Harper Lee, vincitrice di un premio Pulitzer per il suo famosissimo capolavoro, lo scrisse negli anni '50 e lo concluse prima di "To kill a mockingbird". Harper Collins pubblicherà il nuovo libro in 2 milioni di copie.

Il buio oltre la siepeCome riportano l’Associated Press e un comunicato della casa editrice, il romanzo vede protagonista Scout adulta, e fu scritto da Lee – oggi 88enne – prima del suo capolavoro, il quale nacque invece su impulso dell’editor, curioso – racconta Lee – di vedere la prospettiva della stessa Scout bambina. Negli anni la memoria del primo romanzo era andata un po’ persa, ha raccontato l’autrice, ed è stata l’avvocato e amica Tonja Carter a scoprirlo e a consigliarne la pubblicazione, oltre che a negoziare i segretissimi termini economici dell’accordo con la casa editrice. La storia di “Go Set a Watchman” ha inizio negli anni ’50, durante i primi anni del movimento per i diritti civili. Scout torna a Maycomb, cittadina natale, per far visita al padre Atticus, e nel luogo in cui è nata e ha trascorso l’infanzia si troverà ad affrontare problemi e circostanze di natura personale e politica, confrontandosi con il padre e con la sua visione del mondo.

“Il buio oltre la siepe” pubblicato in Italia da Feltrinelli (traduzione di Amalia D’Agostino Schanzer) per la prima volta nel 1960 a pochi mesi dall’edizione originale, è uno dei libri più amati del 1900, e ha venduto nel mondo 40 milioni di copie. Celebre anche il film in cui uno straordinario Gregory Peck interpreta Atticus, avvocato coraggioso e papà di Scout, la protagonista e voce narrante della vicenda. Nonostante la fama conseguente alla sua opera, Harper Lee non ha mai amato la vita mondana e non aveva più pubblicato romanzi, finora.

 

 

Più libri più liberi Roma

Meno pubblico e più vendite, dopo Più libri più liberi gli editori medio-piccoli pensano al futuro. E a Milano arriva BookPride

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, In evidenza, Libri, News

La XIII edizione di Più libri più liberi si è chiusa con un afflusso di pubblico pari a 56mila visitatori, una cifra superiore all'edizione precedente (53mila) ma forse non così tanto quanto ci si sarebbe potuto attendere, visto che la Fiera quest'anno è durata un giorno in più.
fieradellibropiulibripiuliberi

Più libri più liberi, ok all’accredito professionale per gli autori, gli illustratori e i traduttori

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, Traduttori e traduzioni

Gli autori, i traduttori e le altre categorie precedentemente escluse potranno godere di accredito professionale alla fiera della piccola e media editoria di Roma “Più libri più liberi”, hanno confermato a Bibliocartina fonti interne all’0rganizzazione.

masterpiece1

Masterpiece: il talent show della narrativa che fa solo finta di esserlo

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, Eventi, In evidenza, News

Domenica 17 novembre è andata in onda su Rai3 la prima puntata di Masterpiece, il primo talent show del mondo con la narrativa protagonista. Lo spettacolo, prodotto da Rai3 in collaborazione con Fremantle Media, ha suscitato reazioni per lo più sdegnate o derisorie fra i professionisti del mondo editoriale e non solo.

cettadeluca

A Più libri più liberi “No Brand Art”, manifesto per un’arte senza marchio incentrata sui contenuti. Intervista a Cetta De Luca.

Scritto da Redazione on . Postato in Autopubblicazione, Autori, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, In evidenza, Libri

In occasione della prossima Fiera della piccola e media editoria Più libri più liberi (prevista a Roma dal 5 all’8 dicembre prossimi) un gruppo di autori ed editor indipendenti presenterà “No Brand Art”, manifesto per un’editoria di qualità “che metta al centro finalmente i contenuti e non il marchio”. 

zerocalcare_9478

Speciale Graphic novel: un genere, tanti generi. 27% vendite realizzato dai piccoli editori, ma la concentrazione nel settore è forte (II)

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, In evidenza, Libri, News

Prosegue, dalla prima parte, la nostra analisi sul Rapporto AIE sulla graphic novel da poco pubblicato: Zerocalcare, al secolo Michele Rech, ha iniziato la sua carriera curando un blog, ed è diventato in pochi anni un fenomeno editoriale che non accenna a spegnersi (qui su Linkiesta un’intervista di qualche tempo fa che ripercorre i momenti salienti del suo successo).