SaloneLibroControilColonialismodigitale

“Contro il colonialismo digitale”, dibattito (deludente) a Torino. Non leggiamo più perché siamo troppo distratti (Parte I)

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, eReader, Eventi, Fiere e rassegne, Formazione, In evidenza, Libri, News, Tecnologie

Dal Salone del Libro di Torino – Il dibattito sul volume “Contro il colonialismo digitale – Istruzioni per continuare a leggere”, scritto per Laterza dallo studioso Roberto Casati, poteva essere finalmente una grande occasione per fare chiarezza su un tema così delicato e controverso come il passaggio dalla lettura su carta a quella su strumenti digitali.

IMG_1884

London Book Fair: (auto)imprenditorialità, comunicazione e traduzione sono le porte del futuro (II)

Scritto da Redazione on . Postato in Autopubblicazione, Autori, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, In evidenza, L'agente letterario, Traduttori e traduzioni

Il mercato editoriale, dicevamo ieri nella prima parte di questo speciale conclusivo sulla London Book Fair, è di fronte a un salto. A Londra abbiamo capito che la possibilità di superare l’ostacolo, o di cadere giù, è aperta: in larga parte dipenderà da inventività e spirito imprenditoriale.

Sandrone Dazieri

London Book Fair, Sandrone Dazieri (Fabbri): “Quest’anno alla Fiera il colpaccio non c’è: l’abbiamo preso noi appena prima”.

Scritto da Redazione on . Postato in Autori, Editori, Eventi, Fiere e rassegne, Libri, News

Londra – dalla nostra inviata – La London Book Fair è uno degli appuntamenti più importanti al mondo per lo scambio di diritti, come ben sanno gli editor e gli agenti letterari presenti in gran numero all’Earls Court Centre di Londra.

apple-china_think-different

Cina: Apple rimuove dallo Store una libreria online contenente i libri di un dissidente: “contenuti illegali”

Scritto da Redazione on . Postato in Archivi digitali, Autori, Editori, Libri

In perfetta aderenza alla sua politica di “rispetto della legge in tutti i Paesi in cui opera”, Apple ha rimosso dal suo Store cinese un’applicazione per la vendita di libri online che metteva a disposizione anche i titoli di Wang Lixiong, famoso dissidente da tempo inviso al regime.